Parte il conto alla rovescia per il Simposio Internazionale della ciliegia di Vignola, una due giorni di lavori e visite guidate che faranno tappa anche al ceraseto sperimentale Salvi Vivai il 23 maggio.

“Il Ciliegio è una coltura su cui abbiamo deciso di investire da diversi anni, impegnandoci in prima linea anche nella ricerca e nella sperimentazione dell’impianto ad altissima densità” queste le parole di Silvia Salvi a pochi giorni dall’inizio del Simposio Internazionale della ciliegia.

L’impegno di Salvi Vivai per questo importante appuntamento è duplice. Da un lato il sostegno all’iniziativa, dall’altra l’apertura del ceraseto sperimentale ad altissima densità in occasione delle visite sperimentali che si svolgeranno il 23 maggio.

Quella intensiva è una coltura che prevede la presenza di 5.000 – 6.000 piante per ettaro a cui vanno abbinati importanti elementi utili per la produttività dell’impianto: si parla di coperture monofilari antigrandine, antibrina e antinsetto oltre ad un impianto a goccia che assicuri la corretta gestione idrica.

“Il ciliegio senza scala è una delle nostre maggiori proposte sia dal punto di vista tecnico che economico e innovativo per i produttori frutticoli moderni. A livello mondiale rileviamo un’alta domanda di ciliegio sia come varietà produttiva sia come tecnica innovativa ad alta densità” conferma Flavio Lupato, Direttore Commerciale Salvi Vivai  che prosegue ricordando come il “risultato economico già sul breve periodo sia importante grazie ai minori costi di gestione e alla maggior quantità di prodotto di qualità rispetto ad un impianto tradizionale.”

Press Salvi Vivai

Salvi Vivai da cinquant’anni produce e vende piante di fragole, melo, pero, ciliegio e portinnesti di melo e pero. I Vivai sono conosciuti in Italia e a livello internazionale per la loro alta qualità e per l’innovazione costante grazie alla continua ricerca varietale.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!